Varicocele

Il varicocele è causato da una dilatazione eccessiva delle vene attorno al testicolo, dovuta a un'insufficiente tenuta delle valvole della vena spermatica interna o testicolare. Questo gruppo di vene, presenti nello scroto, è definito plesso pampiniforme. Si tratta di vene che drenano il sangue dai testicoli. In condizioni normali queste vene hanno un diametro di circa 0,5-1.5 centimetri; nel varicocele possono raggiungere un diametro superiore a 2 centimetri.

Solitamente, si distinguono due forme di varicocele: il varicocele primario e il varicocele secondario.

Il varicocele primario è causato dalla insufficienza delle valvole presenti nella vena testicolare. Il malfunzionamento di queste valvole fa sì che il sangue fluisca nel vaso sanguigno in senso contrario, provocando un aumento di pressione a livello delle vene dello scroto che diventano incontinenti con dilatazione delle vene del plesso pampiniforme e danneggiamento del tessuto dei testicoli. Il varicocele può presentarsi bilateralmente o solo da un lato, generalmente il sinistro. Questo perché mentre la vena testicolare del lato destro dello scroto si immette nella vena cava in modo obliquo e possiede più valvole, la vena del lato sinistro si immette nell’arteria renale più in alto ad angolo retto e possiede meno valvole. Nel varicocele secondario la dilatazione delle vene ha invece origine dalla presenza di una compressione esterna, come nel caso di un tumore pelvico o addominale.

Il varicocele è un disturbo molto comune, presente nel 10% degli uomini, generalmente tra i 15 e i 25 anni.

Sintomi

Generalmente, il varicocele non è associato a sintomi significativi. Talvolta, si può riscontrare modesto dolore o senso di peso al testicolo, determinato dall’aumento della pressione del sangue all’interno delle vene. I sintomi possono manifestarsi soprattutto se impegnati in attività sportive o in sforzi di sollevamento o se si sta in piedi per lungo tempo. Solo ad uno stadio avanzato è possibile osservare o palpare l’ingrossamento delle vene.

Il varicocele è pericoloso perchè può portare ad una diminuzione della fertilità per una progressiva atrofia testicolare che si instaura per l'alterata circolazione. Il che comporta sia un ristagno del sangue con diminuito apporto di sostanze nutritive ai tessuti del testicolo che un aumento della temperatura locale non adatto ad una normale maturazione degli spermatozoi che possono diminuire di numero (oligospermici) o di vitalità (ipomobili).

La diagnosi

Durante la visita, palpatoriamente, il varicocele si presenta come una massa cosiddetta di "vermi aggrovigliati", evidente soprattutto nella stazione eretta.

La diagnosi strumentale deve essere confermata attraverso un’ecografia testicolare, un Doppler del plesso in grado di valutare la direzione dello scorrimento del sangue all'interno del vaso e uno spermiogramma cioè l'analisi al microscopio del liquido seminale mirata a misurare il numero degli spermatozoi, la loro motilità, la loro maturità, e la loro forma.

Importante è la precocità della diagnosi per una totale ripresa della fertilità.

La terapia

Generalmente per il varicocele non c’è una cura farmacologica. Se il varicocele è causa di dolore o di infertilità, l'unica soluzione è l'intervento chirurgico di legatura della vena testicolare che si effettua mediante una piccola incisione a livello inguinale o in alcuni casi addominale. Una tecnica recentemente utilizzata è la sclerotizzazione. In pratica, si inserisce un catatere che è un piccolo tubicino in una vena della gamba fino alle vene dilatate del testicolo. Dal catetere si inietta una determinata quantità di un liquido sclerosante capace di chiudere la vena dilatata. Il decorso post-operatorio è generalmente rapido e il dolore post-operatorio è modesto. Dopo tre giorni è possibile una normale attività, la completa guarigione avviene dopo due settimane.



Come ragiungerci

Il CENTRO ANDROLOGICO è situato nel centro di Milano in via dei Pellegrini 8/4 - Milano

Per raggiungerci con i trasporti pubblici:

  • dalla linea di MM3 Gialla fermata Crocetta
  • da collegamenti tramviari 16, 24 e autobus urbano 94

Per chi volesse raggiungerci in macchina: entrando da C.so di P.ta Romana in via dei Pellegrini (senso unico) dopo aver percorso solo 20 m. esiste sul lato destro un comodo posteggio (a pagamento). Il Centro è proprio nella piccola via privata a lato del posteggio.

Contatti

Messaggio inviato, grazie per averci contattato!